venerdì 16 marzo 2012

Venti chilometri con un cono

L’anno scorso mi facevo fare il cono gelato da Wally, storica gelateria di Milano in piazza Lavater.
Il cono classico è il cono due gusti. Su questo non ci piove. Tre gusti o aggiunta panna costituiscono ingordigia opulenta.
Cono due gusti: 1 euro e ottanta.

L’anno prima lo prendevo alla gelateria di Porta Venezia, perché costava la stessa cifra. Ma l’anno scorso sono stato fedelissimo di Wally, perché la gestione era familiare, con Morena al bancone, ragazza con un bel sorriso sincero, cordiale, era bello scambiarci due chiacchiere insomma. Invece alla gelateria di Porta Venezia c’è sempre una tale ressa alla cassa, che mi sembra di essere in coda per i saldi. Non vado in coda per i saldi quando ci sono in saldi, figurati se ci vado per un cono gelato, due gusti due.

Allora l’anno scorso io stavo sistemato con le mie esigenze primarie. Andavo da Morena, facevo la solita recita dichiarata di fingere di scegliere i gusti, tanto poi chiedo sempre il gusto bacio, abbinato a rotazione a un gusto crema: stracciatella, o pistacchio, o cocco, o crema, o vaniglia.
Le davo due euri, lei mi dava il resto, mentre preparava le coppe da portare fuori ai tavolini stavo lì e ce la raccontavamo.
Io ero particolarmente mansueto, perché datemi in mano un cono gelato e mi ammansite subito.
Gelatosamente parlando, vivevo una vita felice, spensierati mesi estivi di coni due gusti due.

Da Grom, quel posto costoso dove sembra di entrare da Tiffany e dove l’essere umano conosce i livelli più bassi di umiliazione dovendo indossare grembiuli con la scritta “conista in prova”, ci andavo una o due volte nell’arco di tutta l’estate.
Perché, bisogna ammetterlo.
Fanno tutta una manfrina da fumo negli occhi per gli allocchi per confezionarti il cono con giochi di polso manco fossero il mago Houdini. In confronto a un conista di Grom, un neurochirurgo o un astronauta sono due spalatori di neve. Quando aprono i bussolotti dei gusti infilano la spatola dentro con una serietà e meticolosità tale, che uno si aspetta che ne estraggano un fegato o un rene manco ci conservassero degli organi.
Però il gelato lo fanno proprio buono!

Adesso è arrivato il caldo, e sono andato a controllare da Wally: come mi aveva avvisato Morena, loro non hanno rinnovato l’affitto (hanno anche un’altra gelateria dall’altra parte della città) e quindi ci sono dentro gli operai che rifanno l’ambiente. Fatto sta che io sono senza fornitrice di fiducia di cono gelato!
Magari un’altra persona ci passa sopra facilmente a certe sciagure. Ma per uno che ha poche esigenze, guai a toccargli una di queste poche esigenze!
La macchina io la uso poco o niente. Vita sociale non ne ho e al lavoro ci vado con i mezzi. In città mi muovo con i mezzi. Al parco ci vado con la bici. Me ne frega poco se la benzina arriva a due euro al litro. Ma se devo tirare a campare a due euro e cinquanta al cono, allora io ce l’ho veramente una crisi!

È da una settimana che controllo come un’anima in pena gli altri gelatai della zona.
La gelateria di Porta Venezia ha portato il cono a due euro e cinquanta, quindi per principio non ci entro, se non per fare una rapina (io a loro). Sono andato a vedere al Cin Cin Bar in Corso Buenos Aires e costa uguale se non di più. Non sono andato a curiosare al Gelato Giusto in San Gregorio perché, nonostante abbiano gusti buoni e originali, è fuori mano; io non posso farmi venire le voglie e tenerle troppo a lungo. Il gelato quando ho voglia ho voglia.
Sono anche andato sotto la galleria di corso Buenos Aires, e pure lì, dove te ne danno tanto ma al gusto colorante e al sapor polistirolo, il cono piccolo costa due euro e venti!

Oggi ho messo dentro il naso da Grom, sul Corso. C’è sempre un po’ di coda, e il cono piccolo costa due euro e cinquanta. A questo punto, piuttosto di pagare la stessa cifra per un cono scadente altrove, io una volta al mese mi prendo un cono da Grom! Tanto costa uguale ed è molto buono.
E se fa per darmelo il conista in prova faccio pure il lord: “No, no! O mi fate lo sconto o lo voglio servito da un conista professionista, mica da uno che è in prova per fare un cono gelato!”

Se i prezzi rincarano, va a finire che i prodotti di basso-medio costo aumentano, mentre quelli che erano già cari restano calmierati da un minimo di pudore e dal fatto che il margine di guadagno assurdo (costruito con l’abile gioco di polso che disegna volute tortili del conista professionista con master post laurea in “Conificazione in cialda croccante o friabile?” che a me piglia sempre l’angoscia che non ricordo mai come si chiama quella che mi piace, che quando me le mostra per farmi scegliere… sono identiche cazzo!) già ce l’avevano e possono camparci di rendita.
La soluzione al rincaro dei prezzi sta nel scegliere uno stile di vita dispendioso, a intermittenza.

A meno che, finito il restauro di Wally, non scopro che c’è ancora dentro Morena. Allora pago anche tre euri per prendere il cono da lei, chiacchierata e sorrisi in tutta calma compresi nel prezzo.

K.

nota 1: la gelateria Wally esiste da più di 50 anni, e non da almeno 20 anni, come riportato in un commento nel link dedicato (diamo a Wally ciò che è di Wally!)

nota 2: temporaneamente orfano di un buon cono gelato di riferimento, per consolarmi stasera vado di pizza al trancio, qua. Anche la pizza mi rabbonisce, specialmente in porzione abbondante. Seguita da profiterole bianco, che pure fanno buono.
Dedicherò il dolce a Hombre e giovanni, che stanno stoicamente portando avanti la loro Quaresima Laica.
Eroici!
Ce la farete senz’altro!
Siete meravigliosi!
E io che pensavo di raccogliervi col cucchiaino!
Invece no, a voi non vi si raccoglie col cucchiaino.
Bravi, non demordete!
Non lasciatevi indurre in tentazione!

22 commenti:

  1. leggere post così sono incerto se mi ammazzano o se fortificano il mio spirito.
    La prossima volta che vengo su, però, mi fai prima una lista di posti dove si deve andare, ok?
    Per la cronaca, ieri sera, france e sua madre hanno pensato bene di fare una torta al cioccolato che, per educazione e rispetto verso il piccolo sangue del mio sangue ho dovuto assaggiare... ma poi già stamane a colazione sono ritornato nei ranghi delle fette biscottate integrali.

    wally grom

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccerto! che ti faccio la lista, somministrata via post, basta saperlo per tempo, con tue specifiche di tipologia gastronomica ricercata.
      Ah, cosa si è costretti a fare per un pokemon! :D

      Elimina
  2. Gelati? Ma è già ora? Oh mannaggia, questo vuol dire che è anche ora di scrostare la macchina, lavare le tende e sloggiare i gatti dal divano dove hanno svernato. Magari da domani mi tolgo anche i collant :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, è già ora.
      Ahahah i gatti miagolatori più che migratori che svernano sul divano.

      Elimina
  3. da me costa un euro a palla ma: 1. è strabuono 2. una palla vale per due (2 palle nn riesco a finirle. di solito ne piglio una divisa a metà)
    a me nn piaccion le spatolate. preferisco gli aggeggi concavi e capienti.

    cmq quel tiramisu spacca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da te è un bel vivere!
      Se l'aggeggio è capiente val bene la concavità.
      Anche perché con i giochi di polso tortile, sono capaci di imprigionare famigerate bolle d'aria abnormi dentro le spatolate. E ti fregano!

      quel tiramisù, che spacca anche per la faccina, preciso che è stato trovato su google; purtroppo la foto non è di produzione artigianale :'(

      Elimina
  4. Io devo mettermi a dieta quindi il post non lo commento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dovresti nemmeno leggerli certi tipi di post! Dieta ferrea!

      Elimina
    2. Io l'ho letto tre volte.
      E mi sono segnato anche gli indirizzi delle gelaterie.

      Elimina
    3. Tu sei incorreggibile ;)

      Elimina
  5. Caro mio amico col capo di ferro coperto,
    ormai siamo ridotti veramente male; siamo di fornte a scelte importanti per il genere umano: o la benza o il gelato.
    Come dicevano i sempre eruditi Skiantos:
    quando prendo lo stipendio, in gelati me lo spendo,
    i gelati sono buoni, ma costano miglioni.
    Che tristezza.

    RispondiElimina
  6. Io pago 1 € e 50 con 3 gusti e con tanta panna sopra buona buona, ed è un gelato davvero gustoso. Dovessero chiudere mi dispiacerebbe da morire, quindi posso capirti perfettamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure due volte buona... :(
      Con certe notizie tu mi uccidi!

      Elimina
    2. Scusa, non era mia intenzione :P

      Elimina
  7. Con un cono a 2 euro e 50 preferisco di gran lunga bermi un bel litro di 98 ottani a 2 euro.

    RispondiElimina
  8. ciao Kisciotte... mi piacerebbe associare il tuo nick al tuo volto cosicche quando e se tornerai da Wally potrò riconoscerti e salutarti.. Purtroppo hai fatto un errore nel tuo racconto.. Non so quando e quale Morena ti abbia dato la notizia del nostro non-rinnovo.. Però ti posso assicurare che la mia famiglia ha rilevato la storica gelateria Wally dopo l'anno scorso e che quando sei tornato non hai incontrato la mia sorellina Morena al banco perchè in dolce attesa e quindi a casa a riposare.. =) Ti posso assicurare che il gelato che tu gustavi è rimasto tale e se non posso sostituire il sorriso di Morena le chiederò di passare a trovarci qualche pomeriggio..
    Spero a presto

    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea :)
      Certo che passerò a salutarti. Sono già passato di recente, una quindicina di giorni fa, a farmi un cono bacio e pistacchio. Lo so bene che il gelato è rimasto buono tale quale ;)
      Alla fine avete aperto, se non erro il 2 aprile, di lunedì (i miei genitori si informavano con scrupolo, penso proprio chiedendo a te che stavi allestendo). Giusto in tempo per beccarvi un mese di pioggia eheheh (che sfiga).
      Sia io sia i miei genitori non abbiamo visto Morena, alla quale ci siamo affezionati, e abbiamo pensato che fosse un caso o che seguisse l'altra vostra gelateria. Invece mi dai la bella notizia! ^_^
      A fine stagione scorsa le avevo regalato "In nome della madre" di Erri De Luca. Si può proprio dire che ha preso il regalo "alla lettera"! (se glielo dici capisce chi sono)
      Ah, riguardo al non-rinnovo. L'anno scorso discorrevo con Morena e mi disse che avreste dovuto valutare se rinnovare o meno e altri dettagli che non sto qua a riportare.
      L'importante è che ci vedremo presto!
      Ciao Andrea, a giorni passo (e faccio pure un bel post d'aggiornamento della situazione)

      Elimina
    2. =) a presto....

      Elimina
  9. Ciao, sono un cliente affezionato di Morena. Se la cosa ti puo' interessare la Morena attualmente e' con sua mamma presso la gelateria IL GABBIANO in via Marchionni 23 - Milano (zona Bruzzano)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, gentilissimo! ;)
      Per adesso vedo regolarmente il fratello Andrea da Wally, che mi tiene aggiornato sulle fasi di lievitazione di Morena :)
      Comunque grazie dell'indirizzo; se capiterò da quelle parti le farò un'improvvisata.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.